Portiere non è solo la grande parata, è anche la grande parata.
Portiere è dominare lo spazio, con coraggio e scelta di tempo, è la capacità di decidere la cosa giusta al momento giusto, ma talvolta anche la cosa sbagliata se ci si trova nel momento sbagliato.

Portiere è una sensazione, è una respinta di pugno o un tuffo in deviazione.
Portiere è  soprattutto bloccare la palla.

la presa del portiere

La presa del Portiere

E, come mi ricorda l’amico, nonché compagno di corso, Mr. Michele Ribechini (All. Portieri Pontedera, LegaPro) nella sua tesi per il corso Master da allenatore dei portieri professionista di Coverciano, con il termine “PRESA” si intende la capacità di bloccare la palla con le mani, dissipandone l’energia.
La presa è un fondamentale tecnico cardine del ruolo, e lo sviluppo di quest’abilità è una prerogativa di ogni numero uno di alto livello. Essa implica forti base cognitive e coordinative.

L’importanza della presa

Il Portiere che blocca la palla trasmette forza e sicurezza, al contrario di colui che, non possedendo una buona capacità tecnica, si rifugia in continue respinte e deviazioni, risultando poco utile, talvolta dannoso.

Dal punto di vista psicologico, avere in squadra un estremo difensore dotato di una buona presa infonde sicurezzafiducia a tutto il reparto difensivo e, di contro, scoraggia l’avversario.

 

la presa del portiere

In passato veniva allenata a mani nude per sensibilizzare le mani al contatto con la palla (un’abitudine che ogni tanto andrebbe rispolverata), ma la presa non è solo questione di mani. Come detto è una questione anche di testa, e di braccia, di spalle, di busto, di gambe e di respirazione. Per dissipare energia il numero uno necessita di decontrarre i muscoli affinché l’impatto con la palla sia dolce, graduale e sinergico.

E in un calcio sempre più studiato e tatticamente avanzato, quel momento di estasi spesso viene bruciato in favore di una rapida transizione offensiva. Questo è il calcio, questa è l’evoluzione. Non si prescinde da quello.
Ma, soprattutto con i più giovani, è importante educarli alla gioia di quel momento, avvicinarli al piacere del possesso del pallone. Una cosa che, ultimamente, ci stiamo tutti un po’ dimenticando.

la presa del portiere

 

Questo è essere Portiere.
Perché un Portiere che aiuta è decisamente migliore di un Portiere che sa soltanto parare. 

FF

https://i0.wp.com/www.portierinatipervolare.com/wp/wp-content/uploads/2016/02/DSC_2021.jpg?fit=1024%2C683&ssl=1https://i0.wp.com/www.portierinatipervolare.com/wp/wp-content/uploads/2016/02/DSC_2021.jpg?resize=150%2C150&ssl=1administratorArticoliparata allenamento,portiere presa
Portiere non è solo la grande parata, è anche la grande parata. Portiere è dominare lo spazio, con coraggio e scelta di tempo, è la capacità di decidere la cosa giusta al momento giusto, ma talvolta anche la cosa sbagliata se ci si trova nel momento sbagliato. Portiere è una sensazione, è una respinta...