Stasera, uno degli episodi tipici della misera, esaltante, vita dell’ultimo uomo. Tirone dalla destra, in diagonale.
Alzi il braccio, spizzichi con la punta delle dita, la vedi uscire di un pelo.
Se non la toccavi era all’incrocio, ma nessuno se n’è accorto.
Non sia mai, lo strombazzi: “Angolo!”.
All’inizio con una punta di imbarazzo, poi lo sottolinei ancora di più…
Alcuni dei tuoi ti guardano pensando che sei scemo, uno ti dice un timido “bravo”. Però non è giusto, non è giusto che la più bella parata, nessuno l’abbia vista.
Perché la più bella, spesso, la sai solo tua.

Autore – Lorenzo Calza (elle©i)

https://i0.wp.com/www.portierinatipervolare.com/wp/wp-content/uploads/2015/11/alessio.jpg?fit=960%2C640&ssl=1https://i0.wp.com/www.portierinatipervolare.com/wp/wp-content/uploads/2015/11/alessio.jpg?resize=150%2C150&ssl=1administratorArticoliparata
Stasera, uno degli episodi tipici della misera, esaltante, vita dell'ultimo uomo. Tirone dalla destra, in diagonale. Alzi il braccio, spizzichi con la punta delle dita, la vedi uscire di un pelo. Se non la toccavi era all'incrocio, ma nessuno se n'è accorto. Non sia mai, lo strombazzi: 'Angolo!'. All'inizio con una punta di...